732/21 Second Street, King Street, United Kingdom +65.4566743

Chisiamo

Chisiamo

Capanna Tondi, chi siamo e chi saremo per sempre
Tra la gloriosa imponenza delle più conosciute Regine delle Dolomiti bellunesi e più precisamente sulla vetta del Monte Faloria, a Cortina d’Ampezzo, sorge un rifugio dove ogni centimetro di legno è intriso di storia e d’emozione: non è una sola vita, ma mille quelle che echeggiano dalla Capanna Tondi verso la valle; si tratta di passanti, esploratori e appassionati che hanno scoperto questo nido d’aquila anche nei periodi in cui la vita era contemporaneamente più difficile ma meno complessa. Un luogo che, nonostante il tempo e gli aggiornamenti strutturali, ha mantenuto il fascino segreto della montagna senza perdere un calore unico, che lo distingue dalle strutture pensate soltanto per il turismo di massa.

La storia di una famiglia, quella generata dal capostipite Dino Verzi, dove l’accoglienza sembra essere genetica: non è un caso che il padre di Dino avesse gestito molti alberghi e che lui stesso si fosse fatto strada nel settore fino a diventare direttore del Pedrocchi di Padova. Il sogno di gestire ciò che era il rifugio Faloria, sbocciato nel febbraio del 1939, mentre nasceva la Funivia “Principe di Piemonte” rappresentava il primo bacio di un amore per la montagna, quella vera, quella di un tempo, dal quale la famiglia non si è mai allontanata. Il principe Umberto, assieme al suo notevole seguito, è stato uno dei primi grandi nomi a segnare il passato di quello che oggi rappresenta una vera e propria perla tra le sontuose vette dolomitiche.

Come ogni grande storia, quella di Capanna Tondi non è certo priva di sacrifici e persino di perdite: attraverso la Seconda Guerra Mondiale e i periodi successivi alla ripresa, l’esperienza vissuta sul Faloria non ha fatto che rafforzare il rapporto tra uomo e montagna, portando l’accoglienza a una fase successiva, destinata così ad ampliare l’attrattività turistica del posto ogni autunno e ogni primavera.
Il mutamento degli impianti sciistici nel tempo, infatti, ha portato il rifugio a modellarsi secondo le esigenze dei visitatori e tuttavia senza mai perdere l’originale atteggiamento casereccio che aveva reso negli anni Cinquanta Capanna Tondi e Rifugio Faloria protagonista di ogni evento, dalle inaugurazioni alle visite delle personalità di spicco, così com’è ancora oggi.

Il figlio di Dino, Gianfranco, e la moglie Rosi Larese, infatti, hanno nei decenni gestito il rifugio con un atteggiamento creativo e aperto, tanto che la struttura ha subito più volte delle modifiche che ancora oggi sono considerate di notevole pregio. Capanna Tondi, ai duemila metri delle pendici del Faloria, è ora arricchita dalle braccia e dalle mente del figlio Marco, che lavora con la stessa genetica passione del nonno e che ogni anno si rapporta e accontenta migliaia di visitatori come se fossero singoli ospiti di casa. Sulle panche del rifugio, sulla terrazza panoramica e sulla neve o sull’erba rada, la famiglia Verzi può ancora ammirare i sorrisi e la spensieratezza di coloro che raggiungono un’oasi ad alta quota da dove, in prospettiva, ogni problema pare minuscolo.